IT / EN
febbraio 2, 2017

ALBINI DONNA, COLLEZIONE P/E 2018

Gli archivi di tessitura Albini degli anni Cinquanta e Sessanta – custoditi accuratamente in azienda – hanno ispirato il team stilistico di Albini,donna per dar vita ad una collezione di tessuti moderni e contemporanei, ma dalle forti suggestioni retrò.

Albini,donna_2
Una collezione completa e ricca di contenuti, che sviluppa basi e lavorazioni eterogenee perfette per creare camicie e capi d’abbigliamento adatti ad ogni occasione. La palette di colori è estiva e iper-femminile e va dal bianco al cipria fino ai rosati e ai colori naturali, per arrivare al grigio, all’azzurro, al blu e al nero.

Un viaggio nel tempo, che parte da una reinterpretazione della Granny’s Heritage, ovvero i corredi di una volta e le camicie che ancora oggi si possono trovare nel baule di una nonna chic e sofisticata. Tessuti leggeri quindi, caratterizzati da una piccola struttura realizzata con un filo grosso, che crea piccoli àjour ispirati alla lavorazione ‘giro inglese’, declinate nei colori bianco e azzurro e delicate fantasie floreali, realizzate con la tecnica dello jacquard.

Tra le novità di stagione, gli ‘imbottiti’, chiamati Puffy, tessuti dall’aspetto a rilievo pensati per mettere in evidenza le armature, sviluppati in due versioni:
– una ideale per creare camicie estive fresche e femminili declinate nei colori delicati come l’azzurro, il rosa, il giallo e nell’immancabile bianco. Tra le proposte si fa notare un tessuto speciale che crea un originale pois tridimensionale;

– l’altra dall’anima più pesante e strutturata, tessuti perfetti per realizzare abiti estivi e dalla femminilità spiccata, sia tinta unita che a righe nei toni del bianco, dell’azzurro e del blu.

Non mancano tessuti illuminati da fili di Lurex, che li rendono perfetti per capi da indossare sia di giorno che di sera.

_GMF9467

Protagonista della collezione Albini,donna per la Primavera Estate 2018 anche il tema ‘Fazzoletti’. Forse non tutti sanno che… Albini negli anni Sessanta produceva anche tessuti per realizzare i classici fazzoletti. Proprio questi pattern ritrovati negli archivi dell’azienda, sono stati reinterpretati in chiave attuale per creare originali fantasie a check oppure tessuti con disegnature piazzate, su fresche basi misto lino, anche con inserti in Lurex.

Gli immancabili tessuti bianchi sono declinati nella collezione su molteplici basi e strutture che vanno dalla leggerezza del voile e della mussola fino al tradizionale popeline e all’oxford, perfetto per realizzare abiti freschi e femminili. Non mancano i bianchi in prezioso cotone egiziano Giza 87, i tessuti Journey (quelli cioè perfetti da portare in viaggio perché non si stropicciano e quindi le camicie non si dovranno stirare) ed i Natural Comfort (ovvero tessuti stretch in 100% materie prime naturali senza elastomeri sintetici).

Sempre protagonista dei tessuti estivi anche il lino, fresco, traspirante ed elegante. Grazie all’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, la collezione comprende anche tessuti bianchi non convenzionali, dalla mano carta o talcata.

Per la Primavera/Estate 2018 Albini,donna ha sviluppato una collezione di tessuti tinto filo nei colori delicati e nel tema nautico, lino oxford in colori intensi come l’arancione, il rosa, il verde e il blu, seta stretch in colori femminili e delicati o in nuance più scure e mussola in seta shantung sia in tinta unita che a righe. I tessuti stretch sono realizzati sia in versione cotoniera che in raso di cotone e Lycra con una palette in perfetto tema marittimo. Il popeline in puro cotone va dai classici azzurri alla riga sviluppata in tinte estive e fresche sia bicolore che multicolor. Originali i tessuti tinta unita con righe piazzate, ideali per camicie con dettagli inconsueti mentre il macro vichy si veste di colori accesi e si arricchisce di piccole frange fil coupé. Perfette per l’estate le camicie check in voile impalpabile, anche arricchite da giochi di trasparenza o illuminate da fili di Lurex, in grande tendenza nella stagione.

_GMF9492
Per un look più sportivo è perfetto il tema ‘Canovaccio’: tessuti in misto lino ispirati proprio ai canovacci da cucina, ma reinterpretati in versione casual-chic.

Molto importanti in collezione anche i tessuti più pesanti, adatti per creare freschi abiti estivi in 100% cotone in cui le fantasie vanno dalle righe decise in colori accesi fino al macro vichy in cui il marrone è abbinato al giallo e al rosa.

Grazie all’expertise di Albini nella collezione si trovano anche tessuti realizzati con il Ramiè, una materia prima naturale molto lucente che si ricava dalla corteccia della pianta Boehmeria. Il Ramiè è una fibra antichissima – che veniva usata già nel 5000 a.C. nella civiltà egizia – eccezionalmente lunga e resistente, con un’altissima capacità di assorbimento del colore, che la rende particolarmente adatta alle tinture naturali.

Per finire il tema floreale, che gioca un ruolo molto importante e si ritrova su tessuti realizzati con ricami, jacquard o stampe laminate.

A conferma dell’importanza che sta assumendo all’interno dell’offerta del Gruppo, in occasione di Milano Unica e di Première Vision, la linea donna è stata presentata per la prima volta in uno stand dedicato.