IT / EN
febbraio 13, 2018

LA SOSTENIBILITà RACCONTATA DA SILVIO ALBINI

«Un imprenditore illuminato che ci ha colpiti per il suo impegno e la sua lungimiranza. Questo servizio è un omaggio alla sua memoria». La giornalista Cristina Gabetti introduce così l’intervista a Silvio Albini realizzata per «Occhio al futuro», rubrica di Striscia la Notizia che raccoglie le eccellenze sul territorio nazionale in ambito di sostenibilità e ambiente.

 

Dal 1876 Albini opera nell’interesse e nel pieno rispetto delle persone e del territorio, contribuendo al benessere e alla valorizzazione dei propri collaboratori e delle comunità nelle quali è presente. Per Albini Group essere sostenibili non è uno slogan, ma una realtà che si traduce ogni giorno in attività concrete, come l’impiego di ridotti quantitativi d’acqua, il limitato utilizzo di prodotti chimici, la massima attenzione al risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili.

Albini Group gestisce e controlla tutte le fasi del processo produttivo nei propri stabilimenti, dal seme al tessuto, garantendone la completa tracciabilità.

In termini di risparmio energetico l’azienda:

  • utilizza scambiatori di calore autopulenti, brevettati da Albini Energia, che consentono di recuperare calore dalle acque reflue industriali;
  • ha installato sistemi di illuminazione LED a lunga durata e ad alta efficienza;
  • ha collocato sui telai loom cooler, che consentono di recuperare calore;
  • ha investito in innovazione impiantistica (nuove macchine di tintoria e impianti di condizionamento delle sale di tessitura).

A seguito di questi investimenti in innovazione l’azienda risparmia annualmente il 20% di energia: ogni anno vengono risparmiati 8 milioni kWh, pari all’energia elettrica consumata annualmente da 2.700 famiglie. Inoltre l’azienda ha investito 4 milioni di euro per il rifacimento della tintoria e l’installazione di nuove macchine di tintura che consentono di impiegare minori quantitativi di prodotti chimici e di risparmiare il 20% di acqua: ogni anno vengono risparmiati 46.000 m3 di acqua, pari a quanto contenuto in 18 piscine olimpioniche.

In termini di energia alternativa sono stati poi investiti oltre 3 milioni di euro per l’installazione di 8 impianti a energia rinnovabile: 3 impianti idroelettrici, 4 impianti fotovoltaici e un impianto eolico.

Albini Group ha inoltre introdotto un sistema di gestione delle sostanze chimiche pericolose all’interno e all’esterno dell’azienda. Un impegno che va oltre il rispetto delle normative e che si pone importanti obiettivi di miglioramento per l’eliminazione di queste sostanze dal ciclo produttivo, secondo quanto previsto dal programma Zero Discharge of Hazardous Chemicals, con lo scopo di tutelare la salute e l’ambiente.

Albini collabora con i Clienti più sensibili e attenti ai temi della sostenibilità ambientale, che hanno la possibilità di visitare gli stabilimenti, verificare personalmente l’attenzione e la cura dietro alla realtà tessile e aderire a percorsi di formazione personalizzati.

La grande esperienza del Gruppo Albini, maturata nell’ambito dell’efficienza energetica e dell’impiego di fonti rinnovabili, si è inoltre concretizzata nel 2012 con la costituzione della società di servizi energetici e di ingegneria, Albini Energia, che promuove la sostenibilità ambientale attraverso la ricerca dell’efficienza e del risparmio energetico, offrendo attività di consulenza e progettazione mirate a ridurre l’impatto ambientale in ambito industriale.