IT / EN
febbraio 9, 2018

BIANCO, COLORE E PERSONALITA’ PER VESTIRE LE INFINITE SFACCETTATURE DI OGNI DONNA

La collezione Albini Donna Primavera-Estate 2019 è sinonimo di tessuti dall’anima femminile e sofisticata. Il team stilistico del brand ha impiegato le più diverse materie prime per dare vita a una collezione completa e ricca di contenuti, che sviluppa basi e lavorazioni eterogenee perfette per creare camicie e capi d’abbigliamento ideali per ogni occasione.

Una gamma di tessuti declinata in nove temi, per vestire le infinite sfaccettature di ogni donna.

  1. I bianchi, ovvero la massima espressione della qualità dei tessuti Albini. Il puro tessuto bianco è l’ingrediente indispensabile di base che permette di realizzare capi molto diversi tra loro. Un viaggio total white che parte dalla leggerezza del voile e della mussola fino al tradizionale popeline, al lino e all’oxford più consistente – perfetto per realizzare abiti freschi e femminili – per arrivare al Tencel e alla seta, tessuti dalla mano morbida e sensuale.

 

  1. Gli uniti, tessuti dai colori pieni e definiti, sono sviluppati nelle tinte più in tendenza per la prossima stagione: al rosso e al giallo oro – protagonisti con la loro energia – si affiancano sia le tinte più soft e delicate, come il pesca, il giallo e l’azzurro, che quelle più intense come il tabacco, il fango, il blu elettrico, il blu notte e il viola. Tessuti trasversali, ideali per ispirare la creatività di ogni stilista.

 

  1. I tessuti impreziositi da trattamenti speciali. Natural Comfort, plissettature permanenti, mani slippery, crispy e talcate sono solo alcuni dei trattamenti speciali che rendono davvero unici e di tendenza i tessuti Albini Donna. In particolare, l’essenza della qualità dei tessuti Natural Comfort inizia con la scelta di materie prime preziose e 100% naturali che grazie all’innovativo trattamento a basse temperature conferisce al tessuto un’elasticità naturale, senza ricorrere a materiali sintetici.

  1. I tessuti tinto filo, ideali per la camiceria. Satin stretch, mussola, lino, twill canovaccio e popeline sono declinati in fantasie a righe simmetriche o asimmetriche, in disegnature sfumate dégradé, in giochi di quadri o tinta unita. I colori vanno dai classici bianco e nero fino alle tinte tipiche dell’estate come il pesca, gli azzurri, i rosa, il rosso abbinato al blu – perfetti per il tema marino – e il rosso con il nero, veri cult di stagione. All’interno della collezione anche una piccola proposta di tessuti ispirati alla Granny’s Heritage, ovvero i corredi di una volta e le camicie che ancora oggi si possono trovare nel baule di una nonna chic e sofisticata: tessuti leggeri, caratterizzati da una piccola struttura a rombo che crea piccoli à jour ispirati alla lavorazione ‘giro inglese’, nei colori bianco, nero e azzurro.

 

  1. Il Tencel è una fibra di origine vegetale, che viene estratta dalla cellulosa proveniente dalle foreste di eucalipto del Sud Africa, la cui coltivazione è gestita in maniera sostenibile. I tessuti realizzati con questa materia prima risultano particolarmente setosi e morbidi sulla pelle, donando una sensazione di comfort e naturalezza. Per la Primavera Estate 2019, Albini, Donna abbina il Tencel al lino, alla seta e al cotone, anche in una fresca versione seersucker. Tessuti in tinto capo e in tinto filo sono sviluppati in fantasie femminili e glamour, come il macro vichy giallo oro e bruciato oppure il Principe di Galles nero e oro o ancora il quadretto nero e rosso. Un tocco di lurex rende il tessuto in Tencel più chic per la sera, mentre la sua declinazione in macro-righe nei colori intensi (blu, viola e verde militare) permette di creare, ad esempio, pantaloni dalla linea fluida, iper femminili e sofisticati.

 

  1. La seta – sinonimo di femminilità – sia nella sua versione in purezza che abbinata ad altre materie prime. Le tinte unite e le fantasie a righe sono esaltate al massimo nelle mussole in shantung, nei toni del rosa e del pesca con tocchi di viola e di azzurro. Per look più morbidi e sensuali, la seta è abbinata al Tencel per dar vita a tessuti leggerissimi e luminosi sviluppati in eleganti bianchi e neri e righe con fondo coperto, mentre la pura seta trova una grande espressione nel macro check, in cui il nero è abbinato al giallo oro o al rosso.

  1. Il fil coupé e lo jacquard, lavorazioni sofisticate che permettono di creare un’infinita varietà di tessuti. In questa collezione le righe sono impreziosite da un’originale frangetta di satin colorata, che si presta a innumerevoli interpretazioni, accanto a quadretti, pois, disegni cashmere, fantasie etniche e diverse declinazioni del tema botanico: la passiflora, il fiorellino, il colibrì. La palette di colori va dagli immancabili blu e nero per toccare tutti i toni dell’estate: azzurro, verde, viola, arancione, fucsia e giallo oro.

 

  1. I tessuti da abito, che fanno parte di una proposta molto focalizzata e definita fatta di bianchi, neri e gessati, righe con fondo colore, disegnature check dalle tinte forti del giallo oro, del viola e del rosso. Le basi sono molteplici, sviluppate in cotone, lino e Tencel – anche in tessuti doppia faccia – ideali per impermeabili primaverili dall’aria bon ton, pantaloni ampi e ricercati, casacche da indossare per ogni occasione, gonne e abiti di ogni foggia e per ogni personalità.

 

  1. I tessuti stampati, che vedono il pois grande protagonista, sia in versione tradizionale che macro o abbinato alle righe. Non mancano i fiori, sempre in grande tendenza, o le piccole fantasie geometriche declinate nelle tinte di collezione.